Castello di ottavello

Dove si trova

La frazione di Ottavello dista circa 6 chilometri dal comune di Rivergaro cui essa appartiene.

 

Il castello

Il castello attualmente si presenta costituito da due corpi di fabbrica, posti ad una certa distanza uno dall'altro. Nelle spesse mura di sasso si aprono alcune feritoie; al piano terra e nei sotterranei vengono indicate le prigioni e la cappella in cui si confessavano i condannati a morte. Alle pareti sono infissi anelli di ferro che, secondo una tradizione orale, sarebbero serviti per appendervi i corpi squartati dei giustiziati.

 

Cenni storici

Il castello non fu protagonista, né testimone, di fatti notevoli, se pure posto ai confini dei territori di varie ed importanti famiglie feudali piacentine come i Landi, gli Anguissola e i Radini Tedeschi. Nel 1521 ne era signore G. Battista Zanardi Landi che nello stesso anno venne decapitato dai Francesi per essere stato trovato in possesso di lettere di ribelli anti-francesi, alleati del conte Pier Maria Scotti, detto “Il Buso” che, con il tradimento avrebbe voluto occupare Piacenza. A pianta quadrangolare, conserva ancora molte particolarità castrensi, specialmente sul fronte principale in cui si notano gli incastri del ponte e del ponticello levatoi. Venuta meno la funzione militare, l'edificio venne adibito a carcere, in alcuni scritti del 19 febbraio 1811, si parla delle prigioni poste in esso e dei locali da sistemare.

 

Informazioni turistiche

Il castello è adibito ad abitazione privata

Valtrebbia Experience è un progetto di promozione turistica e valorizzazione della Val Trebbia. La realizzazione e il mantenimento del progetto è possibile grazie al contributo di attività commerciali della valle e sponsor istituzionali. Per inserzioni e/o maggiori informazioni sul progetto clicca qui.

Iscriviti alla Newsletter

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti

© 2017 Valtrebbia Experience - Tutti i diritti riservati